Home » Arte » Il rientro della Pala di Filippino Lippi

Il rientro della Pala di Filippino Lippi

Il 12 febbraio la Comunità di Santo Spirito festeggerà il rientro della Pala di Filippino Lippi dopo il restauro e la mostra alle Scuderie del Quirinale. Dopo la Santa Messa, alle 10.30, breve presentazione e consegna del depliant preparato dal dott. Daniele Rapino.

Tra i dipinti più importanti conservati nella Basilica di Santo Spirito, splende oggi più che mai quest’opera di Filippino Lippi (1457 ca. – 1510) raffigurante Tanai Nerli e la moglie Nanna – i cui stemmi sono tenuti dagli angioletti ai lati degli archi centrali – al centro Maria, con in braccio Gesù bambino, San Giovannino, San Martino vescovo di Tours, Santa Caterina d’Alessandria. La datazione della pala, collocabile tra il 1494 e il 1498, anno della morte di Tanai, è giustificata da considerazioni di carattere iconografico: l’opera ricorda un episodio della vita del Nerli, il quale, il 5 novembre 1494, fu inviato dal governo fiorentino insieme ad altri quattro ambasciatori a trattare la pace con Carlo VIII di Francia, che stava invadendo l’Italia. Sullo sfondo della composizione, a destra, è accuratamente rappresentata una strada cittadina: in primo piano l’antico Palazzo Nerli in Borgo San Jacopo e fuori della porta Tanai che, tornato dalla missione con l’abito da viaggio degli ambasciatori e accompagnato da un cavallo riccamente bardato e da un servo armato, saluta la moglie ed il figlio. Tanai arrivò in città l’11 novembre 1494, festa di San Martino, vescovo di Tours e patrono di Francia, rappresentato a sinistra; mentre l’accordo fra Carlo VIII e la Repubblica fiorentina fu firmato, nello stesso anno, il 25 novembre, giorno dedicato a Santa Caterina d’Alessandria, raffigurata sulla destra. Troviamo anche il piccolo Giovanni Battista, patrono di Firenze. Grazie al sapiente restauro sono emersi dettagli precedentemente imprigionati dalla patina che uniformava e oscurava la brillantezza delle vesti (straordinario il nero di Tanai), la luminosità del paesaggio fiorentino, i richiami classici come scolpiti in rilievo dei delfini, armi e mascheroni sui pilastri che sorreggono le arcate alle spalle dei protagonisti.

Cappella Nerli. Filippino Lippi,Madonna con il Bambino e San Giovannino fra San Martino Vescovo, Santa Caterina d’Alessandria e i due committenti. 1494/1498 circa.