11

Dic 16

Quindicesimo giorno di Avvento

Al centro del Vangelo di oggi ancora la figura di Giovanni Battista che questa volta aiuta i suoi discepoli a guardare le opere di Gesù: i ciechi acquistano la vista, gli zoppi camminano, i lebbrosi sono purificati, i sordi odono, i morti risuscitano e ai poveri è annunciato il Vangelo. Così si comprende che la salvezza avviene per mezzo delle opere, quelle opere che suscitano e sostengono la fede! Giovanni e Gesù sono stati dei testimoni perché hanno rifiutato la gloria e le ricchezze del mondo e hanno fatto la scelta della povertà per essere vicini al l’umanità sofferente e dare un messaggio di fede e speranza. Mettiamoci alla ricerca della Verità senza mai stancarci cercando di essere anche noi dei profeti-testimoni

Dal Vangelo di Gesù Cristo secondo Matteo 11,2-11.

Giovanni intanto, che era in carcere, avendo sentito parlare delle opere del Cristo, mandò a dirgli per mezzo dei suoi discepoli:
«Sei tu colui che deve venire o dobbiamo attenderne un altro?».
Gesù rispose: «Andate e riferite a Giovanni ciò che voi udite e vedete:
I ciechi ricuperano la vista, gli storpi camminano, i lebbrosi sono guariti, i sordi riacquistano l’udito, i morti risuscitano, ai poveri è predicata la buona novella,
e beato colui che non si scandalizza di me».
Mentre questi se ne andavano, Gesù si mise a parlare di Giovanni alle folle: «Che cosa siete andati a vedere nel deserto? Una canna sbattuta dal vento?
Che cosa dunque siete andati a vedere? Un uomo avvolto in morbide vesti? Coloro che portano morbide vesti stanno nei palazzi dei re!
E allora, che cosa siete andati a vedere? Un profeta? Sì, vi dico, anche più di un profeta.
Egli è colui, del quale sta scritto: Ecco, io mando davanti a te il mio messaggero che preparerà la tua via davanti a te.
In verità vi dico: tra i nati di donna non è sorto uno più grande di Giovanni il Battista; tuttavia il più piccolo nel regno dei cieli è più grande di lui.